Fiat: Ifil scioglie patto con Generali, San Paolo e Deutsche

Inviato da Laura Vezzoli il Gio, 03/08/2006 - 08:37
Anche gli ultimi legami del patto di Fiat sono stati sciolti. I vincoli, ormai più formali che sostanziali, di quello che nel 1999 era stato trasformato da patto di sindacato in semplice patto di consultazione sono stati slegati. Ifil, Generali, San Paolo Imi e Deutsche Bank liberano le ultime azioni del Lingotto ancora legate agli accordi sottoscritti sette anni fa in sostituzione del sindacato, che prevedevano l'impegno dei firmatari a informare gli altri aderenti in caso di vendita della quota apportata al patto. Il pacchetto in questione pesava ormai solo per il 12,3% del capitale della casa torinese. Ifi, che partecipava con il 10,09%, ha preso l'iniziativa e ha concordato con Generali, che aderiva al patto con lo 0,81%, San Paolo Imi (0,75%) e Deutsche Bank (0,73%) lo svuotamento di rilevanza e significato dell'accordo di consultazione.
COMMENTA LA NOTIZIA