Fiat, dopo il divorzio con Gm torna la cassa integrazione

QUOTAZIONI Fiat Chrysler Automobiles
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Per i lavoratori di Mirafiori il dopo General Motors non parte nel migliore dei modi. Alla vigilia dell’incontro tra azienda e sindacati sulla situazione produttiva in Fiat e a due giorni dallo sciopero di quattro ore proclamato per venerdì, è arrivato l’annuncio di una nuova cassa integrazione. Il provvedimento interesserà lo storico stabilimento torinese, che rimarrà chiuso dal 14 al 20 marzo prossimi. Saranno coinvolti tutti i reparti produttivi per un totale di 6mila dipendenti. Una doccia fredda non inattesa. Il mercato dell’auto è in difficoltà e il divorzio dal socio americano è troppo recente per poter pensare a immediati cambiamenti di linea. Per mettere a punto una nuova strategia occorrerà tempo.