Fiat, Demel lancia la sfida per la competitivita'

Inviato da Redazione il Gio, 07/10/2004 - 08:54
Tutto confermato: il piano industriale, gli investimenti, la tabella di marcia che dovrà portare l'azienda fuori dalla crisi. E senza toccare gli stabilimenti italiani. Nel giorno dell'incontro con i sindacati e, anche ai rappresentanti dei lavoratori, Herbert Demel ripete le rassicurazioni. Ma a loro, ai sindacati di Fim, Fiom, Uilm e Fismic, l'amministratore delegato di Fiat Auto chiede ora una sorta di patto per la competitività. L'azienda ribadisce che intende mantenere il proprio impegno sugli impianti italiani. Ma sono i numeri a parlare: il costo industrale del prodotto nelle nostre fabbriche è nettamente superiore a quello dei concorrenti esteri e degli stessi stabilimenti Fiat all'estero. "E'necessario", ha spiegato Demel, "che Fiat riduca il costo industriale attraverso un aumento dei giorni di utilizzo degli impianti all'anno e delle ore giornaliere, allineandosi alla concorrenza europea. Questo, ovviamente, lasciando invariato l'orario individuale settimanale".
COMMENTA LA NOTIZIA