Fiat: Chrysler si conferma driver di crescita, partite bene le immatricolazioni Usa a gennaio

Inviato da Flavia Scarano il Gio, 02/02/2012 - 12:26
Quotazione: FCA CHRYSLER
Chrysler, all'indomani dei conti 2011, si conferma come motore propulsore del gruppo Fiat. La controllata statunitense del Lingotto ha centrato la guidance 2011 in particolare per quanto riguarda il trading profit, che si è mostrato in linea con le attese di Equita. Meglio dei pronostici del mercato sono risultati utile e indebitamento netto. Il reddito operativo nel 2012 è stato confermato a oltre 3 miliardi di euro, contro una guidance originaria tra i 3 e i 3,5 miliardi, e rimanendo il principale driver per il miglioramento dei risultati della società torinese. "L'unica delusione e non una sorpresa - commentano gli analisti della Sim milanese - riguarda le passività legate alle pensioni cresciute da 4 a 6,5 miliardi . Molto positiva la partenza delle immatricolazioni negli Stati Uniti a gennaio aumentate del 44%.
COMMENTA LA NOTIZIA