1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Fiat ancora regina degli acquisti, Edison invariata

QUOTAZIONI Edison R
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

A Milano hanno terminato in deciso progresso Fideuram, Eni, Mondadori e Finmeccanica, la quale ha sottoscritto il 52,7% del capitale sociale di Datamat preparandosi a lanciare un’Opa sulla restante parte del capitale in autunno al prezzo di 9,65 euro per azione. La regina dei guadagni è stata ancora Fiat, in ascesa di quasi il 4% e sempre al centro degli scambi nel giorno in cui ha annunciato la trimestrale e la semestrale. L’utile netto del gruppo automobilistico torinese e dei terzi nel primo semestre dell’anno in corso si è attestato a 510 milioni di euro, contro la perdita di 638 milioni che aveva caratterizzato i primi sei mesi del 2004. “Le indiscrezioni”, fa notare Alessandro Capuano di Finspreads “restano quelle legate agli acquisti da parte di fondi speculativi. Dal momento che recentemente è salita sopra la barriera rilevante del 2% potrebbe essere in qualche modo coinvolta Bnp Paribas, ma si tratta solo di voci di corridoio. I risultati di Fiat sono stati buoni e maggiori delle attese e ciò può giustificare l’andamento positivo dell’azione nel corso della giornata, ma non quello dei giorni scorsi, che peraltro era stato caratterizzato da un’elevata intensità di volumi scambiati”. Tra le blue chip milanesi in maggiore flessione si sono distinte ST Microelectronics (-1,05%), Luxottica (-1,41%) e Bulgari (-1,75%). Circa la maison romana del lusso, gli analisti di Merrill Lynch hanno colto l’occasione per reiterare il “buy” con target price a 10,7 euro. In rosso anche Snam Rete Gas (-0,55%), che in giornata ha comunicato i risultati al 30 giugno 2005, che hanno mostrato un utile netto semestrale a 281 milioni di euro, in leggera crescita dello 0,7% rispetto all’analogo periodo dell’anno scorso. Risultati semestrali anche per Edison, che ha evidenziato un utile netto in crescita del 28% a 195 milioni di euro, rispetto ai 153 milioni dello stesso periodo del 2004. A Milano l’azione di Foro Buonaparte ha chiuso la sessione perfettamente invariata.