1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Fiat: accordo con Mazda per produrre in Giappone nuovo spider, in vista altre collaborazioni in Europa

QUOTAZIONI Fiat Chrysler Automobiles
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Fiat e Mazda hanno stretto l’atteso accordo commerciale. Dopo un susseguirsi di indiscrezioni che avevano anticipato la notizia, è arrivata la conferma da parte delle due società della sigla di un memorandum d’intesa non vincolante per lo sviluppo e la produzione di un nuovo spider a trazione posteriore per i marchi Mazda e Alfa Romeo. Lo studio prevede lo sviluppo da parte di Fiat e Mazda di due vetture leggere, a trazione posteriore e distinte nel design, “quali icone chiaramente riconoscibili del proprio marchio”, si legge nella nota del Lingotto. Si prevede che entrambi i veicoli verranno prodotti nello stabilimento Mazda a Hiroshima, in Giappone, a partire dal 2015. La firma finale dell’accordo è prevista per la seconda metà del 2012. Le due case auto, si legge nel comunicato, valuteranno “anche ulteriori opportunità di collaborazione in Europa“.

L’aveva sottolineata già a febbraio l’Ad del gruppo, Sergio Marchionne, la sua preferenza per il mercato asiatico, citando esplicitamente i nomi di Mazda o Suzuki come potenziali partner. Ora il top manager ha così commentato la nuova intesa: “Questo accordo dimostra chiaramente il nostro impegno verso Alfa Romeo e la nostra determinazione nel renderlo un marchio globale. Attraverso la nostra partnership con Mazda, collaboreremo con il leader assoluto nelle architetture di veicoli compatti a trazione posteriore per poter creare uno spider che susciti entusiasmo e che sia carico dello stile Alfa Romeo. Apprezziamo la cooperazione con Mazda e siamo sicuri che porterà ad un rapporto proficuo e duraturo”, ha concluso Marchionne.

Con la firma del deal, Fiat si conferma ancor di più uno dei temi più caldi a Piazza Affari. I recentissimi rialzi del titolo del Lingotto sono stati sostenuti dalle notizie provenienti da Brasile e Italia. Il Governo brasiliano infatti sarebbe vicino a varare un pacchetto di nuovi incentivi per sostenere il mercato delle quattro ruote, anche attraverso iniziative finalizzate ad aumentare l’erogazione del credito per l’acquisto di nuove auto. Tema quello degli incentivi dibattuto anche in Italia. Venerdì scorso il Governo ha aperto ufficialmente un tavolo di confronto con Anfia, Unrae e Federauto per studiare un piano di intervento per il settore auto.

In più lunedì è arrivata la promozione da parte di Bernstein, che ha portato il giudizio su Fiat ad outperform dal precedente market perform, confermando il prezzo obiettivo a 5 euro. Gli analisti hanno ipotizzato una possibile salita nel breve termine al 100% del Lingotto al capitale dei Chrysler, incremento che potrebbe rappresentare un catalizzatore importante per il titolo. Attualmente il gruppo guidato da Sergio Marchionne possiede circa il 58% della casa automobilistica di Detroit.

Male oggi l’azione della casa automobilistica torinese. Sul Ftse Mib al momento il titolo arretra dello 0,83% a 3,842 euro.