Fed verso la conferma dei tassi. Su cosa puntare da qui al primo rialzo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Titoli delle costruzioni e media in Europa, energetici e industriali negli Stati Uniti. Sono questi, secondo lo strategist di Credit Suisse, Andrew Garthwaite, i settori dell’azionario su cui puntare aspettando il primo rialzo dei tassi d’interesse da parte della Federal Reserve. Rialzo che secondo lo stesso analista non arriverà comunque prima del quarto trimestre dell’anno.


Questa sera alle 19.15 si conoscerà la decisione del comitato di politica economica della Fed. La massima attesa riguarda la conferma dell’intenzione di mantenere tassi bassi per “un esteso periodo di tempo”, mentre da parte degli analisti non vi sono dubbi sul fatto che i tassi sui Fed funds saranno lasciati agli attuali livelli. Il consenso è infatti schierato nettamente per un primo rialzo solo nella seconda metà dell’anno.

Sulla base di uno studio presentato da Garthwaite alcuni giorni fa, storicamente la Fed ha cominciato ad innalzare i tassi tra i 12 e i 27 mesi dopo il picco della disoccupazione. E dato il picco al 10,1% in ottobre, la banca centrale statunitense non dovrebbe varare una restrizione monetaria almeno fino all’ottobre 2010. Lo strategist si attende invece che la clausola “per un esteso periodo di tempo” verrà rimossa dallo statement della Fed pochi mesi prima del rialzo. “Greenspan – spiega – aveva rimosso tale espressione 5 mesi prima del primo rialzo del giugno 2004”.


E’ presto quindi per iniziare a preoccuparsi dell’impatto sui mercati dell’aumento del costo del denaro. Effetto che è comunque pienamente verificato dalla statistica. Secondo lo studio di Credit Suisse, storicamente l’azionario tende a dar vita a una significativa correzione nelle sei settimane precedenti il primo rialzo dei tassi. Questa fase dura tipicamente circa tre mesi e l’azionario scende in media del 9 per cento. “Questo – spiega Garthwaite – è in linea con la correzione cui abbiamo assistito tra la metà di gennaio e l’inizio di febbraio. In questo caso la correzione è stata innescata dall’innalzamento dei coefficienti di riserva a carico delle banche cinesi e dallo spettro della fine delle politiche di quantitative easing. Crediamo che una correzione simile potrà avvenire come anticipazione del primo rialzo dei tassi Fed, nel caso i mercati si trovassero vicini ai picchi”.

Dal giorno del primo aumento del costo del denaro negli Stati Uniti occorrerà comunque provvedere a una profonda rotazione settoriale. Nei sei mesi successivi al rialzo a performare meglio in Europa sono infatti i titoli delle telecomunicazioni, delle risorse di base e del real estate, mentre negli Stati Uniti a fare meglio sono i titoli legati alla grande distribuzione, alla tecnologia e ai media.

Commenti dei Lettori
News Correlate
USA

Wall Street: scambi misti sul mercato futures dopo Pil deludente

Futures misti sulle piazze americane dopo la pubblicazione del dato sul Pil annualizzato del primo trimestre 2017. L’economia statunitense è cresciuta al ritmo più debole degli ultimi tre anni nei primi tre mesi dell’anno. Questa dinamica è stata det…

Russia: banca centrale taglia i tassi al 9,25%

La banca centrale russa ha deciso di tagliare il tasso chiave portandolo dal 9,75% all’attuale 9,25 per cento. I mercati si attendevano un taglio, ma stimavano una discesa al 9,50 per cento. “L’inflazione si sta muovendo verso il target fissato, le a…

Elezioni Francia: Macron avanza nei sondaggi, a lui il 60% dei voti

Il candidato centrista Emmanuel Macron avanza nei sondaggi. Secondo l’ultima indagine Opinionway-Orpi per Les Echos e Radio Classique, Macron batterebbe nel secondo turno delle elezioni presidenziali in Francia la rivale Marine Le Pen con il 60% dei …

Inflazione Eurozona torna ad accelerare, aumentano pressioni su Bce

L’inflazione della zona euro torna ad approcciare il target del 2% perseguito dalla Bce mostrando inoltre una decisa accelerazione ad aprile della componente core, ossia l’inflazione di fondo, salita ai massimi a quasi 4 anni. Indicazioni che vanno a…