Fed: minute, non è in arrivo una recessione

Inviato da Luca Fiore il Mar, 30/08/2011 - 20:15
Nonostante non sia in arrivo una nuova ondata recessiva l'economia resta vulnerabile agli shock. È quanto emerge dai verbali dell'ultima riunione, datata 9 agosto, del Fomc (Federal Open Market Committee), il comitato esecutivo della Banca centrale Usa. Nel corso del meeting sono emerse alcune differenze sulle misure da prendere nei prossimi mesi. È stato proposto un nuovo round di acquisto asset, l'incremento delle scadenze dei titoli detenuti o il taglio del tasso che la Fed paga alle banche per le riserve in eccesso.

Alla fine è stato deliberato di cambiare la terminologia utilizzata, indicando che i tassi rimarranno in quota zero fino a metà 2013. Secondo alcuni componenti, invece di una data la Banca centrale Usa avrebbe dovuto fissare una soglia, scegliendo ad esempio un certo livello di inflazione o un determinato tasso di disoccupazione, che una volta raggiunta avrebbe dato il la al rialzo dei tassi.
COMMENTA LA NOTIZIA