1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Fed e mercati: il nuovo linguaggio di Bernanke

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

I tempi di Alan Greenspan appaiono oggi più lontani che mai. Se l’ex presidente della Fed era solito comunicare al mercato in modo decisamente esplicito circa le future mosse di politica monetaria, il suo successore, Ben Bernanke, nei primi mesi del suo mandato ha lasciato intendere la volontà di ridefinire il codice comunicativo del comitato. Bernanke ha infatti spostato l’accento dei suoi interventi più che sulle future scelte, sulla valutazione del ciclo economico. Nel comunicato che ha seguito la riunione del Fomc di venerdì, per la prima volta dall’agosto del 2003, la Fed ha evitato di indicare in modo inequivocabile l’orientamento delle future scelte sui tassi, lasciando invece più spazio all’interpretazione: “Sebbene il raffreddamento della crescita della domanda aggregata possa contribuire ad alleggerire le pressioni inflazionistiche, il comitato giudica che qualche rischio ancora rimanga. L’entità e il timing delle prossime mosse saranno comunque determinate dall’evoluzione dei dati osservati”. La sensazione è dunque che Bernanke abbia voluto sottrarre le scelte degli investitori alla dialettica della Fed, spostando l’attenzione sulle valutazioni piuttosto che sulle decisioni future e spingendo così gli operatori a portare avanti le loro valutazioni personali.