La Fed lascia i tassi invariati, vuole tenere ancora alta la guardia sui prezzi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ieri sera è arrivata l’attesa decisione della Federal Reserve che ha lasciato per l’ottava volta i tassi d’interesse fermi al 5,25%. La Fed non è ancora soddisfatta per l’andamento dell’inflazione. L’inflazione ‘core’ (la componente al netto di alimentari e petrolio) è “migliorata modestamente negli ultimi mesi”, dall’altro Ben Bernanke e Co. hanno precisato che “la moderazione duratura delle pressioni inflazionistiche deve essere ancora dimostrata in modo convincente”. Relativamente invece alla crescita dell’economia, la Federal Reserve vede “una crescita moderata nel primo semestre” del 2007 nonostante la flessione del mercato immobiliare, in fase di assestamento, mentre, in ottica prospettica “l’economia continuerà a espandersi al ritmo moderato nei prossimi trimestri”. Le prossime mosse di politica monetaria dipenderanno come sempre dall’outlook su crescita economica e dall’andamento dei prezzi.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACRO

Stati Uniti: crescita economica ai minimi da tre anni nel Q1

Nel primo trimestre la crescita statunitense si è attestata allo 0,7%, in calo rispetto al 2,1% degli ultimi tre mesi del 2016. Si tratta del dato minore degli ultimi tre anni. Gli analisti avevano stimato un +1,3%.

MACRO

Istat: industria, a marzo prezzi alla produzione a +3,1% a/a

L’Istat comunica che a marzo l’indice dei prezzi alla produzione dell’industria rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta del 3,1% nei confronti di marzo 2016. I prezzi alla produzione dell’industria, sul mercato interno, diminuiscono de…

Inflazione: Istat, ad aprile accelerazione a +1,8% annuo

Ad aprile, stando alla stima preliminare diffusa dall’Istat, l’inflazione in Italia aumenta dello 0,3% su base mensile e dell’1,8% annuo. La variazione tendenziale evidenzia un’accelerazione rispetto al +1,4% di marzo, derivante soprattutto dalla cr…