1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Fed immobile in attesa di conferme sui prezzi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Fed lascia i tassi invariati e ribadisce la cautela sui prezzi. E’ questa la sintesi della riunione del Federal Open Market Committee (Fomc) conclusasi ieri sera e che ha visto per l’ottava volta consecutiva il mantenimento dei tassi sui fed funds al 5,25%, soglia a cui si erano fermati nel giugno 2006 dopo una serie di 17 aumenti di 25 punti base. 

 

Nonostante nel comunicato successivo alla decisione, comunicata ieri alle 20.15 ora italiana, sia stato rimosso l’aggettivo elevato per descrivere l’inflazione core, quella depurata dalle componenti più volatili della spesa energetica e alimentare, il presidente della Fed, Ben Bernanke, ha ribadito che una diminuzione dell’inflazione “continua nel tempo deve ancora essere verificata in modo convincente”. Allo stesso modo dopo aver detto di aver rilevato “un modesto miglioramento” dell’inflazione core, la guida della banca centrale americana ha chiarito che il rischio principale è ancora che “l’inflazione non scenda come previsto”.


 


Sul fronte della crescita invece la Fed ha descritto una crescita moderata nel primo semestre dell’anno “nonostante la flessione dell’immobiliare”, con la previsione di un’economia che “continuerà a espandersi a un ritmo moderato nei prossimi trimestri”.


 


Dal bilancio delle constatazioni e soprattutto delle previsioni formulate il mercato ha tratto la convinzione pressochè generale che la Fed si appresti a proseguire sulla strada dell’immobilismo monetario almeno fino a fine anno. Il comunicato di ieri sera ha chiarito che il tema della crescita non preoccupa, e che qualsiasi variazione dal sentiero previsto dagli analisti potrà essere indotto dalla dinamica dei prezzi. Argomento su cui al momento non ci sono avvisaglie particolari da segnalare se non dal punto di vista potenziale.


 


In attesa dei dati sull’inflazione al consumo di giugno i mercati hanno reagito freddamente all’esito del Fomc. Il Dow Jones a chiuso con un impercettibile ribasso dello 0,04%, mentre il Nasdaq ha ceduto lo 0,12%.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MATERIE PRIME

Usa: scorte petrolio tornano a salire a sorpresa, +0,118 mln di barili

In crescita, seppur lieve, le scorte di petrolio statunitensi. Nell’ultima settimana le scorte di greggio si sono attestate a quota 509,213 milioni di barili, in rialzo di 0,118 mln rispetto al dato precedente. Il consensus era invece per un nuovo ca…

BRUXELLES

Russia: UE proroga di sei mesi sanzioni economiche

L’Unione europea ha deciso di prorogare di sei mesi le sanzioni economiche riguardanti settori specifici dell’economia russa fino al 31 gennaio 2018. La decisione arriva dopo l’aggiornamento del presidente francese, Emmanuel Macron, e della cancellie…

BANCHE

Abn Amro, governo olandese vende quota del 7% e scende al 63%

Il governo olandese ha annunciato oggi la vendita del 7% di Abn Amro, la banca nazionalizzata durante la crisi finanziaria. Una privatizzazione parziale che riduce la partecipazione statale al 63%. Il prezzo di vendita di ciascun titolo è stato fissa…