La febbre del petrolio non accende Eni

Inviato da Redazione il Lun, 25/10/2004 - 13:05
Quotazione: ENI
La febbre del petrolio oggi non accende Eni. Il titolo del Cane a sei zampe accusa un ribasso dell'1,94%, passando di mano a quota 17,73 euro. Sul fronte greggio le quotazioni sono sempre più scottanti. Spinto dalla crescita economica cinese, superiore alle previsioni, e dalle scorte di combustibile Usa in costante diminuzione alla Borsa di Londra, il barile di Brent ha bruciato questa mattina nuovi massimi a quota 51,90 dollari. A contribuire alla crescita del prezzo è anche lo sciopero dei lavoratori petroliferi norvegesi.
COMMENTA LA NOTIZIA