FCA: per Goldman Sachs è titolo da comprare, ma nel 2015 vede settore auto Ue in difficoltà

Inviato da Alberto Bolis il Mar, 11/11/2014 - 10:16
Quotazione: FCA CHRYSLER
Fiat Chrysler Automobiles (FCA) finisce nella lista "conviction buy" di Goldman Sachs, che ha fissato per il titolo un target price a 13,30 euro. Target che implica un potenziale rialzista di oltre 30 punti percentuali rispetto agli attuali corsi a Piazza Affari, dove FCA mostra un progresso di circa l'1,5% a 9 euro. "L'annuncio dell'Ipo di Ferrari segna l'inizio, e non la fine, di una storia di creazione di valore per FCA", spiegano gli analisti di Goldman Sachs secondo cui il Lingotto ridurrà il suo debito di 4 miliardi di euro a 7,4 miliardi entro la fine del 2015 e a 3,6 miliardi a fine 2018.
 
Oltre allo scorporo della casa di Maranello, il gruppo auto ha inoltre annunciato il lancio di un bond convertibile da 2,5 miliardi di euro e la vendita di un massimo di 100 milioni di azioni. Secondo gli esperti del colosso bancario statunitense, i catalyst di FCA saranno "il successo nell'esecuzione delle operazioni di rafforzamento patrimoniale, il processo di spin-off di Ferrari, la chiarezza sulla struttura patrimoniale, le solide performance operative e la discussione sul consolidamento dell'industria automobilistica".

Contemporaneamente Goldman Sachs ha però tagliato il suo giudizio sul comparto europeo delle quattro ruote portandolo a neutrale dal precedente attraente. "Riduciamo le nostre stime sulla crescita dei volumi di vendita in Europa all'1,5% per il 2015 e ci aspettiamo che le vendite di auto nel Vecchio Continente resteranno deboli a lungo", precisa il broker che vede un proseguimento del declino in Russia, una stabilizzazione in Brasile e un mercato piatto negli Stati Uniti. Tutto questo, a detta di Goldman, aggiungerà pressione al processo di consolidamento del settore auto europeo.
COMMENTA LA NOTIZIA