Fashion&Luxury Insight: Geox medaglia di bronzo tra i top performer

Inviato da Carlotta Scozzari il Mer, 17/10/2007 - 15:43
Quotazione: BENETTON GRP
Quotazione: GEOX

Geox si colloca al terzo posto nella classifica dei top performer mondiali del settore fashion & luxury. E' quanto emerge dal Fashion&Luxury Insight 2007, ovvero la seconda edizione della indagine sulle imprese internazionali di moda e dell'alto di gamma quotate nelle Borse mondiali messa a punto da Sda Bocconi, Altagamma ed Ernst&Young e presentata questa mattina a Piazza Affari. Il campione base dell'indagine è composto da 39 società del settore (attive in uno più dei seguenti settori: accessori, active, abigliamento, beauty, occhialeria, gioiell  e orologi, fashion retail), con vendite superiori ai 150 milioni di euro e un fatturato complessivo di 150 miliardi l'anno, ma alcune indagini ulteriori sono state svolte su un campione esteso, composto da 74 player, per un fatturato complessivo di 240 miliardi.

Il campione base ha evidenziato una buona crescita nel 2006 rispetto al 2005: le vendite sono cresciute in media del 14%, l'Ebit margin si è attestato al 13%, e l'Ebitda margin al 17%. Illustrando l'indagine, Barbara Rovetta, docente dell'area finanza e del Master in fashion, experience and design management della Sda Bocconi, mette in luce come il campione complessivo sia stato caratterizzato da un buon Return on investment (Roi, indice di redditività del capitale investito), che in media è stato pari al 15%, in linea con il dato del 2005. E' giudicata in senso positivo la capacità di generazione di cash flow delle aziende del campione (11% del fatturato), "grazie a una efficiente gestione del capitale circolante". Rovetta mette poi in luce gli importanti investimenti "core", che si attestano al 142% dell'ammortamento, in crescita dell'11% rispetto al 2005, il mantenimento del peso degli asset fissi, pari al 46%, praticamente allineati al dato dell'anno prima, e degli intangibili, pari al 21%, anch'essi praticamente in linea con il 2005.

Tra le aziende che performano meglio sotto tutti i profili e i parametri passati al vaglio dall'indagine ci sono quelle attive nei settori degli accessori e del fashion retail. A guidare la classifica generale dei top performer non a caso è Coach, società a stelle e strisce attiva proprio nel settore degli accessori, seguita a ruota dalla francese Hermes, anch'essa operante nel segmento degli accessori. Terzo posto, come già detto, per la big italiana degli accessori, Geox. Al quarto e al sesto posto si trovano poi altre due star del firmamento americano: rispettivamente American Eagle Outfitters e Abercrombie & Fitch, entrambe aziende fashion retailer. Come mette infatti in evidenza Rovetta, "le aziende Usa sono largamente rappresentate nella top ten delle performing companies". Per trovare invece la seconda e ultima italiana dei magici dieci bisogna scivolare fino in nona posiziona, dove si colloca il fashion retailer Benetton.

In sintesi, dunque, prosegue la fase positiva per accessori e fashion retailer, che si sono aggiudicati lo scettro di top performer per crescita e redditività. In particolare, gli accessori hanno confermato di essere un business ad alto rendimento, caratterizzato da una marginalità che supera di oltre il doppio quella dell'abbigliamento (l'Ebit margin si è attestato al 21% nel 2006 contro il 10% del segmento apparel). Ciò, come sottolinea Rovetta, spiega perché nell'ultimo decennio tutti i principali player quotati e non hanno fatto il proprio ingresso ufficiale nel business degli accessori.

COMMENTA LA NOTIZIA