Facebook sfida Google: l’ascesa di Zuckerberg adesso si gioca nei servizi e-mail

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il guanto di sfida è stato lanciato. Non contento di essere protagonista nelle sale dei cinema di tutto il mondo, ha deciso di lanciarsi in una nuova avventura. Il colosso del social network ha sfidato il re di Internet. Facebook ha sfidato Google. La battiglia è su un terreno ambito: quello della posta elettronica.


Dopo un fine settimana in cui le indiscrezioni si sono rincorse, il sito guidato dall’amministratore delegato Mark Zuckerberg ha rotto gli indugi: il servizio di e-mail è diventato realtà, andando a competere con quelle già diffusissime di Google, Yahoo e Microsoft. E’ sarà guerra, senza esclusione di colpi.

Facebook gioca la sua battiglia da una posizione privilegiata, con già in rasca 500 milioni di utenti all’attivo, che potranno avere indirizzi “@facebook.com” con un servizio che fonde posta elettronica, messaggi sms e messaggi istantanei in modo tramite un unico account.

“Non è un modo per uccidere l’e-mail. E’ un sistema che la ingloba in un servizio completo”, ha spiegato Zuckerberg. Di certo l’avanzata del social network più frequentato al mondo è inarrestabile. Facebook ha superato eBay: il titolo di Fb vale vale oltre 16 dollari secondo SecondMarket, una piattaforma di trading per i titoli delle società non quotate a Wall Street: con una capitalizzazione di 41 miliardi di dollari, è ora la terza maggiore società americana nel settore di Internet, collocandosi alle spalle di Amazon.com, il cui valore di mercato è di 74,4 miliardi di dollari, e Google, valutata 192,9 miliardi.


E oltre la novità della mail c’è già chi si pregusta l’arrivo in Borsa della creatura di Zuckerberg. Uno sbarco che potrebbe in realtà arrivare non prima di qualche anno, ma che accende le fantasie del mercato. E nel frattempo la Facebook mail potrebbe togliere il primato a Google.

Commenti dei Lettori
News Correlate
USA

Wall Street: scambi misti sul mercato futures dopo Pil deludente

Futures misti sulle piazze americane dopo la pubblicazione del dato sul Pil annualizzato del primo trimestre 2017. L’economia statunitense è cresciuta al ritmo più debole degli ultimi tre anni nei primi tre mesi dell’anno. Questa dinamica è stata det…

Russia: banca centrale taglia i tassi al 9,25%

La banca centrale russa ha deciso di tagliare il tasso chiave portandolo dal 9,75% all’attuale 9,25 per cento. I mercati si attendevano un taglio, ma stimavano una discesa al 9,50 per cento. “L’inflazione si sta muovendo verso il target fissato, le a…

Elezioni Francia: Macron avanza nei sondaggi, a lui il 60% dei voti

Il candidato centrista Emmanuel Macron avanza nei sondaggi. Secondo l’ultima indagine Opinionway-Orpi per Les Echos e Radio Classique, Macron batterebbe nel secondo turno delle elezioni presidenziali in Francia la rivale Marine Le Pen con il 60% dei …

Inflazione Eurozona torna ad accelerare, aumentano pressioni su Bce

L’inflazione della zona euro torna ad approcciare il target del 2% perseguito dalla Bce mostrando inoltre una decisa accelerazione ad aprile della componente core, ossia l’inflazione di fondo, salita ai massimi a quasi 4 anni. Indicazioni che vanno a…