1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Facebook presenta “Home”, il cellulare diventa social

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Android ha una nuova casa. A costruirla è stato nientepopodimeno che Facebook, che oggi da Menlo Park ha presentato una nuova estensione del popolare sistema operativo Android costruita intorno al n.1 dei social network. A fare gli onori di casa ci ha pensato Mark Zuckerberg, che ha precisato che più che “un telefono o un sistema operativo, presentiamo un’esperienza”.

La nuova esperienza si chiama “Home” e permetterà ai cellulari Android, niente da fare per gli iOS, di agire a un nuovo livello rispetto a quello cui siamo abituati. “La nostra missione è dare alle persone il potere di condividere il loro mondo”, ha detto l’enfant prodige.

“Home” si affiancherà ad Android cambiandone l’interfaccia e favorendo le funzioni social dei telefoni: in pratica si tratterà di una via di mezzo tra un’applicazione e un sistema operativo. La nuova interfaccia permetterà di interagire con i contatti e di gestire il proprio profilo e integrerà tutto l’ecosistema del n.1 dei social network, messaggistica e Voip compresi.

Dopo aver genericamente illustrato le funzioni di “Home”, Zuckerberg ha precisato di non voler costruire fisicamente un proprio telefono, “ma di voler creare la miglior esperienza d’uso per tutti su tutti i telefoni”. “Sarà una grande esperienza e cercheremo di trasportarla dai cellulari ai tablet nei prossimi mesi“, ha annunciato l’ex studente di Harvard.

Htc si prepara a lanciare il Facebook phone
“Home” sarà disponibile a partire dal 12 aprile sul Play Store
e, almeno all’inizio, funzionerà su alcuni modelli Samsung (Galaxy S3, S4 e Note2) e Htc (One, One X e One X+). I taiwanesi della High Tech Computer Corporation saranno anche i primi a sviluppare un dispositivo espressamente dedicato alla nuova creatura di Menlo Park: si chiamerà First, ma Zuckerberg lo ha già ribattezzato il “social phone”. “Se compri un telefono con Facebook Home -ha detto Zuckerberg- hai la miglior esperienza possibile”.