1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

F. Diodovich: oro, riflettori puntati in quota 1.803 dollari l’oncia

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Finale di ottava con il segno meno per le quotazioni dell’oro. Le indicazioni migliori delle attese arrivate dal mercato del lavoro a stelle e strisce oggi hanno penalizzato le quotazioni del metallo giallo perché, se il miglioramento dovesse rivelarsi duraturo, potrebbero portare ad un revisione del terzo piano di allentamento quantitativo, il QE3.

Dopo essersi riportate ieri a 1.795 dollari l’oncia, il livello massimo degli ultimi 11 mesi, le quotazioni del metallo giallo hanno terminato l’ottava in sostanziale parità in quota 1.780 dollari. Il riferimento nelle prossime sedute è rappresentato dai 1.803 dollari l’oncia.

“Solamente una perentoria vittoria al di sopra di tale riferimento -rileva Filippo Diodovich, analista di IG- darà la forza ai corsi per allungare in direzione dell’ambizioso target di 1.921”. “Segnali di debolezza -continua Diodovich- arriveranno, invece, con il cedimento dei minimi del mese in corso a 1.763, condizione che potrebbe introdurre una discesa fino a 1.737 dollari l’oncia”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
AUMENTO DI CAPITALE

Carraro: offerta in opzione, sottoscritto il 99,684%

A conclusione dell’offerta in opzione nell’ambito dell’aumento di capitale, Carraro ha annunciato che sono stati esercitati 43.225.974 diritti per la sottoscrizione di 33.620.202 azioni, pari al 99,684% del totale.

Il controvalore complessivo è d…

BANCHE ITALIA

Veneto Banca: Cda chiede intervento Atlante per ricapitalizzazione

Oggi il Cda di Veneto Banca “ha riaffermato – si legge in una nota diffusa dall’istituto – la propria piena fiducia nella prospettiva dell’aggregazione con Banca Popolare di Vicenza come condizione per il rilancio delle due banche, importante per lo …

MERCATI

Chiusura di ottava di poco sotto la parità per le borse europee

Grazie a un miglioramento nella seconda parte innescato dalla revisione al rialzo del Pil statunitense del primo trimestre (+1,2%), i listini europei riducono le perdite e chiudono la settimana di poco sotto la parità.

A Londra il Ftse100 ha term…

MACRO

Stati Uniti: fiducia dei consumatori a 97,1 punti a maggio

Nel mese di maggio l’indice di fiducia dei consumatori elaborato dall’Università del Michigan si è attestato a 97,1 punti, dai 97 di aprile. Nella stima flash il dato era risultato pari a 97,7 punti.