F. Diodovich: oro, riflettori puntati in quota 1.803 dollari l'oncia

Inviato da Luca Fiore il Ven, 05/10/2012 - 20:18
Finale di ottava con il segno meno per le quotazioni dell'oro. Le indicazioni migliori delle attese arrivate dal mercato del lavoro a stelle e strisce oggi hanno penalizzato le quotazioni del metallo giallo perché, se il miglioramento dovesse rivelarsi duraturo, potrebbero portare ad un revisione del terzo piano di allentamento quantitativo, il QE3.

Dopo essersi riportate ieri a 1.795 dollari l'oncia, il livello massimo degli ultimi 11 mesi, le quotazioni del metallo giallo hanno terminato l'ottava in sostanziale parità in quota 1.780 dollari. Il riferimento nelle prossime sedute è rappresentato dai 1.803 dollari l'oncia.

"Solamente una perentoria vittoria al di sopra di tale riferimento -rileva Filippo Diodovich, analista di IG- darà la forza ai corsi per allungare in direzione dell'ambizioso target di 1.921". "Segnali di debolezza -continua Diodovich- arriveranno, invece, con il cedimento dei minimi del mese in corso a 1.763, condizione che potrebbe introdurre una discesa fino a 1.737 dollari l'oncia".
COMMENTA LA NOTIZIA