Exor positiva in Borsa, per Ubs fusione Fiat-Chrysler attraente anche prima dell'Ipo

Inviato da Redazione il Gio, 16/12/2010 - 09:58
Quotazione: FCA CHRYSLER
Quotazione: EXOR
Ubs, in una nota diffusa ieri, suggerisce che alle attuali condizioni dell'unione Fiat-Chrysler una fusione delle due società prima dell'Ipo del gruppo di Detroit potrebbe essere abbastanza attraente per gli azionisti di Fiat. Questo è importante poiché Fiat detiene il 70% del Nav di Exor. Un'aggressiva ma realistica tabella di marcia potrebbe essere utile per ripagare i prestiti governativi nel primo trimestre, consolidare Chrysler nel secondo ed effettuare l'Ipo nel terzo trimestre. Nel report odierno Ubs ha aumentato il target price a 28,50 euro dai precedenti 25,60 euro confermando il rating buy. In questo momento a Piazza Affari il titolo Exor guadagna l'1,13% a 23,34 euro, mentre Fiat avanza dello 0,48% a 14,64 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA