Eurozona: Markit, debolezza settore manifattura provocherà maggiori pressioni su Bce

Inviato da Daniela La Cava il Mer, 01/10/2014 - 10:41
Il Pmi manifatturiero della zona euro rasenta un valore vicino alla stagnazione. A dirlo Markit che ha diramato oggi la lettura finale di settembre dell'indice Pmi manifatturiero nell'eurozona. Il dato si è attestato a 50,3 punti dai 50,5 punti della precedente rilevazione. "L'indebolimento del settore manifatturiero provocherà maggiori pressioni sulla Bce per fare di più nel cercare di rinvigorire l'economia, e senza ombra di dubbio rafforza la necessità di alleggerimento quantitativo - afferma Chris Williamson, capo economista presso Markit -. In molti sperano che la riunione di questa settimana mostrerà una determinazione nell'affrontare il rallentamento con dettagli sul programma aggressivo di acquisto di ABS e obbligazioni garantite."

Ma perché il Pmi è un dato molto seguito? Il Purchasing Managers' Index (Pmi) fornisce tendenze relative al settore privato sulla base di variabili quali vendite, livelli occupazionali, scorte e prezzi. E' uno degli indicatori macro più seguiti da aziende, enti governativi e analisti economici di istituzioni finanziarie per analizzare l'andamento del business e come guida alle strategie di investimento.
COMMENTA LA NOTIZIA