Europa: gli appuntamenti da monitorare la prossima settimana (analisti)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il rapporto sull’inflazione della Bank of England sarà tra gli appuntamenti clou della prossima settimana in Europa. “L’attuale forward guidance, secondo cui i tassi di interesse non saliranno fino a quando il la disoccupazione non scenderà al di sotto del 7%, è ora in gran parte superflua. Pensiamo che la BoE possa presentare uno schema a punti, simile a quello utilizzato dalla Federal Reserve degli Stati Uniti, per suggerire le aspettative sui tassi nei prossimi anni”, illustrano gli analisti di Credit Suisse. Sempre tra le banche centrali, in settimana si riunirà anche la banca centrale svedese che dovrebbe mantenere invariata la sua politica monetaria. Tra i dati macro in arrivo, da monitorare la lettura preliminare del Pil relativo al quarto trimestre dell’Eurozona. “Ci aspettiamo una crescita dello 0,3% su base trimestrale, ma ci sono alcuni rischi di rallentamento, aggravati dalle statistiche in arrivo dalla Germania”, prevedono a Credit Suisse.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACRO

Francia: fiducia consumatori stabile a 100 ad aprile

La fiducia dei consumatori francesi rimane stabile nel mese di aprile. Il dato diffuso stamattina dall’Insee si mantiene stabile a 100 per il quarto mese consecutivo, in linea con le attese del mercato.

Market mover: l’agenda macro della giornata

L’agenda macro di oggi è povera di indicazioni. L’unico dato di rilievo in uscita oggi riguarda le scorte settimanali di greggio negli Stati Uniti. In uscita anche le vendite al dettaglio in Canada. Nel dettaglio:
16:00 USA Scorte greggio e derivat…

Giappone: fiducia Pmi in calo più del previsto ad aprile

In Giappone la fiducia delle piccole e medie imprese ha mostrato un calo maggiore del previsto attestandosi ad aprile a 48,6 punti dai 50,5 punti del mese precedente. Gli analisti si aspettavano una fiducia in discesa a 49,4 punti….

Australia: inflazione salita al 2,1% annuo nel I trimestre

In Australia l’inflazione si è attestata nel primo trimestre al 2,1% annuo, in deciso rialzo rispetto all’1,5% precedente ma leggermente sotto le attese degli analisti pari al 2,2%. Rispetto al trimestre precedente l’indice dei prezzi al consumo ha m…