1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

L’Europa chiude con forti perdite per il caro greggio

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Seduta difficile per tutte le piazze finanziarie del Vecchio continente, su cui, a solo un giorno dalla decisione della Federal Reserve sui tassi d’interesse, è tornato ad affacciarsi lo spettro del caro greggio, con il Brent giunto nei pressi della chiusura a toccare i 78 dollari per barile. A scaldare le quotazioni dell’oro nero l’annuncio shock da parte di British Petroleum (che ha perso oltre il 2%) della chiusura per la corrosione di un oleodotto del maggiore impianto di estrazione in Alaska, quello di Prudhoe Bay, da cui escono 400mila barili di greggio al giorno, pari all’8% di tutta la produzione statunitense. Ha pesato in particolare l’incapacità da parte di Bp di ipotizzare i tempi di ritorno alla normale operatività. Il Dax ha chiuso in calo dell’1,65%, il Cac40 ha ceduto l’1,68%, mentre l’Aex di Amsterdam ha limitato le perdite all’1,06%.