1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

L’Europa chiude bene una giornata quasi di festa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Va in archivio con un generalizzato segno più la penultima seduta borsistica del 2010 del Vecchio Continente. Tra le maggiori piazze finanziarie europee spicca l’unico segno meno (-0,21% a 5.996,36 punti) riportato dal Ftse 100. Il paniere inglese ha però riaperto solo oggi dopo la lunga pausa natalizia e ha dunque dovuto allineare i propri valori ai ribassi che avevano caratterizzato le giornate di lunedì e martedì delle altre piazze finanziarie. In assenza di dati macroeconomici di particolare rilievo proveniente dal fronte americano, l’Aex olandese è salito dello 0,46% a 358,32 punti. Parigi in progresso dello 0,86% è stata la migliore Borsa dell’area Euro, mentre meno marcato è stato il rialzo del Dax che a Francoforte ha chiuso a 6.989,57 punti (+0,25%). Proprio la Germania ha stupito oggi il mercato con il forte incremento riportato in dicembre dall’inflazione. Nel mese in corso il dato è infatti cresciuto dell’1% contro un’attesa da parte degli analisti di un +0,9%. A novembre la rilevazione aveva segnato un progresso dello 0,1%. Quello odierno è stato l’aumento mensile più sostenuto registrato negli ultimi 6 anni e ha mostrato un’accelerazione tendenziale al top da ottobre 2008. L’incremento di dicembre ha fatto sì che anche a livello annuo le aspettative degli analisti, pari ad un tasso dell’1,5%, fossero battute: anno su anno l’incremento si è infatti attestato all’1,7% dall’1,5% di novembre.