Euronext e Borsa Italiana mettono sul tavolo solo i propri dubbi

Inviato da Redazione il Ven, 09/06/2006 - 08:29
Euronext e Borsa Italiana non hanno compiuto alcun passo di avvicinamento nell'incontro tenutosi martedì a Palazzo Mezzanotte tra i vertici della piazza finanziaria milanese e quelli parigini. Anzi, sono aumentati i dubbi e le diffidenze. Di Borsa Italiana su Euronext, con l'ad Capuano in attesa che i francesi scoprano le loro carte, ma con Jean-Francois Théodore piuttosto esitante tanto da non escludere una rinuncia se dal Belpaese non arriveranno nuovi segnali. Testimonianza della distanza esistente per il momento tra le due entità la difficoltà nell'affrontare il problema della valutazione di Borsa, che prevederebbe uno scambio azionario. Solo che Euronext è già quotata con un valore alla chiusura di ieri di 7,82 miliardi di euro mentre Piazza Affari solo ora ha avviato gli studi per un collocamento da 1-1,5 miliardi. Alla richiesta di Théodore di mostrare il piano di sviluppo della Borsa Italiana in maniera da permettere la formulazione di un'offert, Capuano avrebbe ricordato la "confidenzialità" del documento invitando la controparte ad avanzare una proposta "tenendo conto che Milano non è certo la Borsa portoghese" e dimenticando che non è neanche quella americana.
COMMENTA LA NOTIZIA