1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Euro/franco svizzero, grafico che porta a nuovi minimi nel medio termine

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Decisamente mal impostato da un punto di vista tecnico il cross che lega l’euro al franco svizzero. La divisa unica del Vecchio Continente paga dazio a quella elvetica in scia ai timori sulla sostenibilità del debito da parte di alcuni Paesi periferici, Grecia in testa. Esattamente con l’inizio della scorsa ottava è avvenuta una violazione significativa, in grado di influenzare le quotazioni nel medio periodo. Già in prossimità dei minimi storici, il valore del cambio è scivolato sotto i supporti dinamici offerti dalla trendline ascendente ottenuta con i low del 30 dicembre scorso e del 17 marzo. La rottura, indubbiamente confermata anche dal trend delle sedute successive, ha così permesso di completare un doppio massimo particolarmente corposo. Partendo da questo presupposto, in caso di pull back della trendline bypassata al ribasso, eventualità che si completerebbe con ritorni in area 1,2465, vendite a 1,2415 hanno stop con nuovi allunghi oltre 1,2705. In questo caso i due target proposti collacono il cross dapprima a 1,20 e in seguito a 1,1675, obiettivo dell’estensione al ribasso del doppio massimo.