Euro/dollaro, la tecnica strizza l'occhio a un nuovo long

Inviato da Riccardo Designori il Mar, 12/02/2013 - 10:59
Quotazione: EUR / USD
Segno positivo quest'oggi per le quotazioni dell'euro nei confronti di quelle del dollaro Usa, con il cross che sembra così pronto a svoltare dopo il trittico di sedute consecutive caratterizzate dalla discesa delle quotazioni. In tal senso si potrebbe dunque ipotizzare l'implementazione di una strategia di matrice rialzista. A far propendere per questa evenienza la constatazione che le vendite degli ultimi giorni hanno sì generato delle indicazioni ribassiste, ne sono un esempio l'incrocio dall'alto verso il basso dei supporti dinamici espressi dalla media mobile di breve e la rottura dei supporti statici di breve posti nell'intorno di 1,3480/1,3490, tuttavia le quotazioni si sono portate in prossimità del transito di un interessante livello di supporto che in potenza potrebbe sostenere una ripresa delle quotazioni. Il riferimento specifico è al transito in area 1,3350/1,3360 dei supporti dinamici espressi dalla trendline discendente tracciata con i massimi decrescenti del 14 e 18 gennaio e violata al rialzo in occasione della progressione maturata lo scorso 25 gennaio. La strategicità di tale linea di tendenza è emersa proprio negli ultimi giorni. La chiusura dell'8 febbraio e l'apertura dell'11 febbraio hanno visto le quotazioni del cross poggiarsi proprio su detta linea di tendenza, violata al ribasso solo a livello intraday ma mai al termine delle contrattazioni. Perché le possibilità rialziste del cambio trovino seguito sarà tuttavia necessario che il cross superi velocemente le resistenze dinamiche di breve poste nell'intorno di 1,3430, ossia i top dell'8 e dell'11 febbraio. Partendo da questi presupposti, chi volesse valutare con favore un'eventuale strategia long di euro e short di dollaro Usa potrebbe posizionarsi in acquisto a 1,3370. Con stop che scatterebbe in caso di nuove discese sotto 1,3250, il primo target si avrebbe a 1,3495 e il secondo a 1,3660.
COMMENTA LA NOTIZIA
mifib scrive...