1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

L’Eurodollaro si conferma sotto pressione

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’eurodollaro si conferma ai minimi da quattro mesi in area 1,29. Nuova seduta negativa per le quotazioni della moneta unica che, già alle prese con la crisi cipriota, oggi ha dovuto fare i conti con le indicazioni arrivate dal fronte macro.

“Dal punto di vista tecnico -ha rilevato Filippo A. Diodovich, Market Strategist di IG- l’eventuale cedimento dei minimi intraday a 1,2880 potrebbe gettare le basi per un affondo verso lo strategico supporto di breve periodo a 1,2845, ultimo appiglio utile per evitare una caduta ben più rovinosa verso 1,2660”. “Segnali di ripresa solamente con una perentoria vittoria al di sopra di 1,3045 (copertura del gap down apertosi ad inizio ottava), preludio per un possibile attacco a 1,31”.

Dopo il voto contrario al piano preparato dall’Eurogruppo, oggi per le autorità cipriote è arrivato l’ultimatum da parte della Banca centrale europea: in mancanza di un accordo con l’Unione europea e il Fondo monetario entro lunedì, la fornitura di liquidità di emergenza, essenziale per tenere in vita il comparto bancario dell’isola, sarà sospesa.

Per quanto riguarda i dati macro, a marzo il Pmi relativo il settore manifatturiero del Vecchio continente ha registrato una contrazione passando da 47,9 a 46,6 punti mentre il dato relativo il settore servizi è passato da 47,3 a 46,5 punti. In entrambi i casi gli analisti avevano stimato 48,2 punti.

A sottolineare la fragilità dell’economia europea nel corso del pomeriggio ci hanno pensato le indicazioni arrivate da Oltreoceano: la scorsa settimana le nuove richieste di sussidio si sono confermate ai minimi da cinque anni a 336 mila, i dati relativi il manifatturiero delle aree di Chicago e Philadelphia sono risultati migliori delle attese e le vendite di case esistenti sono salite ai massimi dal novembre 2009.

Commenti dei Lettori
News Correlate
AUMENTO DI CAPITALE

Carraro: offerta in opzione, sottoscritto il 99,684%

A conclusione dell’offerta in opzione nell’ambito dell’aumento di capitale, Carraro ha annunciato che sono stati esercitati 43.225.974 diritti per la sottoscrizione di 33.620.202 azioni, pari al 99,684% del totale.

Il controvalore complessivo è d…

BANCHE ITALIA

Veneto Banca: Cda chiede intervento Atlante per ricapitalizzazione

Oggi il Cda di Veneto Banca “ha riaffermato – si legge in una nota diffusa dall’istituto – la propria piena fiducia nella prospettiva dell’aggregazione con Banca Popolare di Vicenza come condizione per il rilancio delle due banche, importante per lo …

MERCATI

Chiusura di ottava di poco sotto la parità per le borse europee

Grazie a un miglioramento nella seconda parte innescato dalla revisione al rialzo del Pil statunitense del primo trimestre (+1,2%), i listini europei riducono le perdite e chiudono la settimana di poco sotto la parità.

A Londra il Ftse100 ha term…

MACRO

Stati Uniti: fiducia dei consumatori a 97,1 punti a maggio

Nel mese di maggio l’indice di fiducia dei consumatori elaborato dall’Università del Michigan si è attestato a 97,1 punti, dai 97 di aprile. Nella stima flash il dato era risultato pari a 97,7 punti.