1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Euro/dollaro, il ritracciamento in atto permette un nuovo ingresso short

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il cambio euro/dollaro si appresta a chiudere la terza settimana del 2012 in prossimità di quota 1,2900, sull’onda del rally progressivo dai minimi di 1,2626 di lunedì. A dispetto della serie di declassamenti operati da Standard & Poor’s, le ragioni del rialzo sono principalmente da attribuire all’esito delle aste di debito di Francia e Spagna migliori delle attese. Il quadro grafico vede tuttavia la valuta europea sempre in posizione di debolezza rispetto al biglietto verde, con le oscillazioni dei prezzi all’interno del canale ribassista in atto da fine ottobre 2011 ad oggi. Sul fronte rialzista l’euro trova numerosi ostacoli e le medie mobili di medio e lungo periodo restano improntate al ribasso. Consigliabile quindi un’operatività di tipo short: eventuali vendite a 1,2950 hanno come primo target 1,2850 e secondo al supporto posto a 1,2630. Lo stop si posizionerebbe sopra 1,3140. Chi volesse comunque operare speculativamente al rialzo sull’euro, potrebbe sfruttare la tenuta del supporto statico a 1,2626 per sfruttare eventuali nuovi ritracciamenti con target 1,2800 e stop ravvicinati sotto 1,2600.