Eurodollaro in direzione 1,35, analisti scommettono al ribasso

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nuove indicazioni ribassiste per l’eurodollaro. Da un lato un Beige book che ha fatto emergere un’espansione dell’attività economica in tutti i 12 distretti in cui è suddiviso il territorio della prima economia, dall’altro un tasso di inflazione che a giugno ha confermato l’anemico +0,5% annuo della stima flash. Notizie contrastanti che finiranno per influenzare le politiche delle rispettive banche centrali, restrittiva su una sponda dell’Atlantico espansiva sull’altra, e spingeranno al ribasso l’incrocio tra l’euro e il biglietto verde (a 1,3531 in questo momento).

4 le ragioni che secondo Nomura penalizzeranno l’eur/usd: un eventuale e ulteriore allentamento monetario da parte della Bce, il rallentamento dei flussi di capitale, l’indebolimento della crescita nel vecchio continente e il potenziale ritorno dell’avversione al rischio.

“L’andamento del comparto bancario ha rappresentato un importante indicatore di medio termine per la moneta unica e l’attuale sottoperformance suggerisce che l’euro è destinato a confermarsi vulnerabile”, si legge in una nota diffusa da Morgan Stanley. “Infatti, gli ingenti afflussi di fondi verso gli asset europei tra la fine del 2013 e l’inizio del 2014 hanno rappresentato un forte fattore di sostegno per l’euro e un’inversione è destinata a lasciare l’euro senza protezione”. Sia nel portafoglio di breve che in quello di medio termine Ms scommette al ribasso sull’eurodollaro con target 1,31.

“Al momento -rilevano gli analisti di Bnp Paribas- riteniamo che il mercato sia incline a confermarsi in trading range anche se la rottura di 1,3503 sarebbe significativa in termini tecnici e potrebbe innescare ulteriori vendite”. Il colosso francese scommette su un calo nel breve termine a 1,32.