Eurodollaro consolida a 1,38, analisti predicano cautela

Inviato da Luca Fiore il Mar, 15/04/2014 - 19:05
Nuova seduta di consolidamento per l'eurodollaro che dopo aver toccato quota 1,39 venerdì scorso attualmente passa di mano a 1,3818. "Il cross Eur/Usd ha messo pressione ai supporti di breve periodo compresi tra 1,38 (area di transito della media mobile a 50 giorni) e 1,3790 (50% del ritracciamento di Fibonacci dell'ascesa dai bottom di aprile)", rileva Filippo A. Diodovich, strategist di IG.

"Il cedimento di tali sostegni -continua Diodovich- potrebbe far vacillare le aspettative di crescita, gettando le basi per una possibile flessione verso 1,3675 (primo target a 1,3760)".

Per Bank of America Merrill Lynch (BofA) al momento è necessaria prudenza. Nonostante, si legge in una nota preparata dal colosso statunitense, si intravedano i primi segnali di un'inversione di tendenza, è necessario attendere ancora prima di agire. L'inversione a 1,3904 e la rottura del pivot a 1,3820 "evidenziano un cambiamento di scenario per il dollaro" ma "sono necessari ulteriori segnali prima di passare all'azione" e scommettere al ribasso sul cross.

"Nello specifico -continua BofA- gli 'orsi' necessitano di una rottura di 1,3708/1,3619 per prendere il controllo della situazione". Nel caso in cui si verificasse quest'ipotesi il cross è visto in calo prima a 1,3104 e poi a 1,2777/1,2685.
COMMENTA LA NOTIZIA