Euro/dollaro: 1,1820 argine per discese verso 1,17

Inviato da Redazione il Lun, 13/03/2006 - 16:32
L'ottava sul mercato delle valute si è aperta senza scossoni per il cambio euro/dollaro che veleggia in area 1,1930. L'assenza di dati macroeconomici di rilievo e il momento di stasi sulla questione Iran non forniscono spunti in direzione alcuna. Spunti che potrebbero arrivare a partire da domani con gli Stati Uniti che pubblicheranno una serie di dati macroeconomici sull'andamento dell'economia (oltre al Beige book) mentre il Vecchio continente rimarrà sostanzialmente a guardare (eccezzion fatta per l'indice tedesco Zew in uscita martedì). Dal punto di vista grafico non si attendono movimenti di forte direzionalità a meno di grandi sorprese o di inasprimenti gravi del confronto con la Repubblica islamica e l'euro dovrebbe rimanere in area difensiva con primo supporto utile a quota 1,1865 sotto al quale 1,1820/3 rappresenta l'ultimo baluardo per evitare un apprfondimento della discesa verso 1,1650/1,17. Al rialzo l'euro ha spazio per muoversi fino a 1,2040 ma per il momento sembra mancare della forza necessaria per spingersi oltre questa soglia con quota 1,2080 che potrebbe aprire le porte per un allungo verso 1,2150.
COMMENTA LA NOTIZIA