Euro, la salvezza viene dalla Cina?

Inviato da Floriana Liuni il Lun, 17/10/2011 - 09:53
Contro la crisi dell'area Euro, il deus ex machina potrebbe essere la Cina: Pechino avrebbe infatti proposto un piano segreto durante il G20 parigino dello scorso weekend. A svelare l'indiscrezione, le colonne del tabloid inglese Sunday Times, anche se non di vero segreto si tratta, dato che la possibilità di un intervento del Celeste Impero in soccorso dell'affaticato Vecchio continente è nell'aria da molto tempo. Resta solo da definire in cosa consisterebbe l'eventuale aiuto, e quale sarebbe il suo prezzo.
 
L'offerta cinese
 
Secondo quanto riportato domenica dal Sunday Times, durante la riunione dei ministri delle finanze di tutto il mondo la delegazione cinese avrebbe presentato un'offerta per salvare l'Euro attraverso investimenti massicci -si parla di un'iniezione di decine di miliardi -  in titoli di Stato e infrastrutture. Gli Stati europei probabilmente gradirebbero di più la prima ipotesi, ma è plausibile pensare che siano le infrastrutture a fare più gola ai cinesi, i quali ormai da anni fanno shopping nei porti e negli aeroporti occidentali, veri gangli sensibili per l'entrata delle merci con gli occhi a mandorla. E infatti una delle offerte cinesi di cui si parla nel quotidiano inglese è quella dell'acquisto dell'aeroporto di Atene da parte del colosso cinese Hna, che a giorni concluderà il deal.
 
Il prezzo dell'aiuto

Ovviamente, i cinesi chiedono adeguate garanzie, e, in cambio del loro aiuto - o meglio, del loro investimento - vogliono la sicurezza che i Paesi dell'Euro sapranno tagliare le spese e ristrutturare i bilanci. "Vogliamo che l'Europa conosca le dimensioni del buco, e che si impegni a non allargarlo", o la Cina non sarà più disposta a riempirlo: queste sarebbero state le parole di una fonte anonima citata dal tabloid inglese.

COMMENTA LA NOTIZIA