1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Euro riprende a scendere su debole Ifo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nuovo passo indietro dell’euro dopo la diffusione dell’indice Ifo tedesco inferiore alle attese. Il cross euro/dollaro è sceso fino a 1,2954 dollari, sui minimi a 3 settimane, nei minuti susseguenti l’uscita del dato tedesco. L’indice Ifo tedesco business climate si è attestato ad aprile a 104,4 punti, in calo dai 106,7 precedenti. Il consensus era di 106,2. In calo anche l’indice Ifo sulla situazione corrente passato da 109,9 a 107,2 punti.

L’Ifo fa seguito al debole Pmi manifatturiero tedesco di ieri alimentando ulteriormente le attese di un taglio dei tassi da parte della Bce già nella riunione di settimana prossima (2 maggio) per dare maggior sostegno alla debole congiuntura. Settimana scorsa il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, aveva aperto alla possibilità di un taglio dei tassi in presenza di un peggioramento del quadro macro.

Bill Gross, fondatore e co-chief investment officer di Pimco, si mostra però dubbioso sugli effetti benefici sull’economia dell’Eurozona di un taglio dei tassi della Bce. “Aspettatevi presto un taglio dei tassi da parte della Bce – ha scritto Gross in un messaggio su Twitter – ma potrà condurre a una crescita reale? Difficile”. L’euro ha bisogno di andare giù, ha aggiunto Gross che dice quindi “sell” sulla valuta comune europea.

Sulla stessa lunghezza d’onda Michael Hewson, senior market analyst di CMC Markets. “Un taglio dei tassi in Europa potrebbe fare ben poco per il rilancio dell’economia – rimarca Hewson – se si considera che sia il tasso Euribor che l’Eonia si trovano già ben al di sotto dello 0,75%, un dato sul quale riflettere nel lungo termine. Ciò che invece occorrerebbe fare subito è aggiustare i meccanismi di trasmissione del credito oltre che allentare le misure di austerity”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
Bond sovrani

Garzarelli (Goldman Sachs): ecco quando arriveranno le tensioni sui BTP

Le tensioni sui BTP italiani arriveranno “solo a due mesi dal voto”. E’ quanto ritiene Francesco Garzarelli, co-chief economist di Goldman Sachs. In occasione di un incontro che si è svolto a Roma presso lo studio legale Gianni, Origoni, Gripp…

MACROECONOMIA

Spagna: Pil I trimestre confermato a +0,8% t/t e +3% a/a

Il Prodotto interno lordo (Pil) della Spagna ha segnato nel primo trimestre dell’anno un aumento dello 0,8% rispetto al periodo precedente e del 3% su base annua, confermando la stima preliminare e le attese del mercato….

MERCATI

Borse europee: partenza in rialzo, focus sul vertice Opec

Le Borse europee hanno aperto in rialzo, in scia ai guadagni di Wall Street e dei listini asiatici, con la piazza azionaria di Tokyo in rialzo dello 0,36%. In avvio Francoforte sale dello 0,40%, Parigi incassa un +0,44% e Londra sale dello 0,19%. Sec…

MERCATI

Piazza Affari e Borse europee previste in rialzo, oggi il vertice Opec

Piazza Affari e le Borse europee sono attese positive in avvio, in scia ai guadagni di Wall Street ieri sera con la Federal Reserve ormai vicina a una stretta monetaria. Secondo i verbali dell’ultima riunione, diffusi ieri, la banca centrale american…

MERCATI

Borsa di Tokyo chiude in rialzo

La Borsa di Tokyo ha chiuso la seduta odierna in rialzo, sostenuta dai guadagni a Wall Street dopo che i verbali dell’ultima riunione della Federal Reserve hanno indicato una possibile stretta monetaria nel breve termine, probabilmente già a metà giu…