1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

L’euro recupera area 1,31 $, sterlina in ripresa dopo Pil Uk

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Giro di boa settimanale con quotazioni in moderata risalita per l’euro dopo le difficoltà dei giorni scorsi susseguenti alla nervosa reazione dei mercati all’esito delle elezioni italiane che hanno fatto emergere un forte rischio di ingovernabilità. Il cross euro/dollaro in mattinata si è riportato sopra quota 1,31 dollari sostenuto dal buon esito dell’asta Btp. Il Tesoro italiano ha collocato titoli di stato a media-lunga scadenza per complessivi 6,5 miliardi di euro, al top della forchetta prevista che era tra 4,75 e 6,5 miliardi. Il rendimento del Btp a 10 anni (scadenza maggio 2023)è salito al 4,83% rispetto al 4,17% precedente. Il mercato ha apprezzato soprattutto la tenuta della domanda che ha superato l’offerta di 1,65 volte nel caso del Btp decennale (da 1,32 dell’asta di fine gennaio).

“L’euro si sta muovendo in maniera molto volatile all’interno di un canale laterale, destinato a lasciare spazio a breve ad aumenti di volatilità – commenta oggi Matteo Paganini, analista valutario di FXCM Italia – che potrebbero comunque non prendere direzionalità fino al superamento di 1,3200 o di 1,2975”.

Tra le altre valute questa mattina il dollaro australiano ha toccato i minimi a quattro mesi e mezzo rispetto al dollaro statunitense sotto la soglia di 1,02 dollari portando a circa -2% il bilancio mensile. Il mercato guarda alla riunione della Rba di settimana prossima (5 marzo) con consensus spaccato circa la possibilità o meno di un nuovo taglio dei tassi dal 3 al 2,75%.

Oggi infine è arrivata anche la seconda lettura del pil britannico relativo al quarto trimestre 2012. Confermato un calo dello 0,3% su base trimestrale. Rialzo dello 0,3% su base annua contro la variazione nulla indicata dal consensus. Il cross pound/dollaro dopo il Pil è risalito fino a 1,516. “La sterlina resta strutturalmente debole – rimarca Paganini di Fxcm – soprattutto di fronte ai potenziali scenari di aumento di QE da parte della Bank of England”.

Commenti dei Lettori
News Correlate

Goldman Sachs: compra bond venezuelani per 2,8 miliardi di dollari

Goldman Sachs ha comprato 2,8 miliardi di dollari di bond venezuelani che erano detenuti dalla Banca centrale del Paese sudamericano, un Paese in piena emergenza dove gli scontri tra le forze armate e gli oppositori del governo Maduro sono all’ordine…

MERCATI

Borse europee: apertura debole, Londra chiusa per festività

Le Borse europee hanno aperto la prima seduta della settimana fiacche, in una giornata priva di particolari spunti, complice la chiusura per festività di diverse piazze azionarie nel mondo, tra cui anche Londra. In avvio a Francoforte il Dax segna un…

Spread Btp-Bund a 177 punti base in avvio, rendimento al 2,09%

Lo spread tra il Btp a dieci anni e il Bund tedesco si attesta a 177 punti base nei primi scambi seduta. Il rendimento del bond decennale italiano sul mercato secondario è pari al 2,09%, mentre il tasso del Bund con pari scadenza viaggia in area 0,33…