1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Eurasian Natural Resources, impianti operativi ma produzione in calo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Eurasian Natural Resources (ENRC), compagnia mineraria kazaka listata a Londra, ha riportato mercoledi un lieve aumento dello 0,8% nella produzione di leghe di ferro per la vendita (398 mila tonnellate) e un calo del 7,6% nella produzione di minerale di ferro destinato al mercato (4,1 milioni di tonnellate). Tuttavia, la compagnia sostiene che tutte le sue divisioni sono operative alla massima capacità, anche dopo l’incendio che ha danneggiato l’impianto di Aktobe lo scorso giugno, e continueranno ad esserlo per la restante parte dell’anno. Nel secondo trimestre la produzione di alluminio è salita dell’8,8% annuale a 62 mila tonnellate. Al momento il titolo perde oltre l’1,6% a Londra.

Commenti dei Lettori
News Correlate
COMMODITY

Oro: prezzi a 1.261 dollari, focus sulle minute di domani

Sostanziale parità al Comex per il future con consegna giugno sull’oro che passa di mano a 1.261,5 dollari l’oncia (+2% nelle ultime cinque sedute). “Ancora una volta, l’oro si trova a riprendere fiato”, ha rilevato Ole Hanson, n.1 per le commodity d…

COMMODITY

Oro: tensioni politiche spingono i prezzi ai massimi da fine aprile

Rialzo di mezzo punto percentuale per il future con consegna giugno sull’oro, in aumento a 1.259,9 dollari l’oncia. I prezzi, sui massimi da tre settimane, capitalizzano la crescita della volatilità sulle piazze finanziarie e le tensioni in arrivo da…

COMMODITY

Petrolio: Brent si spinge sopra quota 54 dollari il barile

Quarta giornata consecutiva con il segno più per le quotazioni del greggio, in rialzo dello 0,82% a 54,05 dollari il barile. Nelle ultime cinque sedute il derivato è salito del 4,3% in attesa che l’Opec, l’Organizzazione che raggruppa i Paesi esporta…

COMMODITY

Petrolio: miglior settimana da inizio anno in attesa dell’Opec

Alla terza seduta consecutiva con il segno più, il Brent porta il saldo settimanale al +5,55%, il dato maggiore da inizio anno. Nuovo segno più all’ICE per il future con consegna luglio sul greggio, in aumento del 2,15% a 53,64 dollari il barile.