Etf, asset globali in decisa crescita nei primi 5 mesi del 2009

Inviato da Titta Ferraro il Ven, 26/06/2009 - 11:31
La risalita dei mercati ha favorito la crescita del patrimonio degli ETF a livello globale nei primi 5 mesi del 2009. Gli asset under management, secondo i dati diffusi da Barclays Global Investor, sono cresciuti del 9% nei primi 5 mesi del 2009 attestandosi a 775,2 miliardi di dollari. In crescita anche il numero degli Etf offerti sui vari mercati con un totale di 119 nuove emissioni sui 42 mercati nei quali è possibile acquistare Etf. La crescita degli asset deriva da un lato dai rendimenti positivi offerti dagli Etf e dall'altro dai flussi in entrata. Nello specifico, la crescita del mercato degli Etf nei primi 5 mesi del 2009 risulta superiore all'andamento medio del mercato con l'indice MSCI World cresciuto nello stesso periodo solo del 5,41%.
Asset in crescita a ritmo sostenuto soprattutto in Europa (+18,1% a 168,3 mld di dollari rispetto al +6% dell'MSCI Europe), mentre negli Usa la crescita degli asset si è attestata al 4,9% a 521,9 mld di dollari. In crescita anche i volumi medi giornalieri (+8,4% a 2,4 mld di dollari). Mercato statunitense decisamente più maturo, ma che conferma l'elevato appeal degli Etf con asset che continuano a fare meglio del mercato (+2,3% l'MSCI Us nello stesso periodo). A maggio in particolare negli Usa gli afflussi netti sono stati pari a 17 miliardi di dollari sommando Exchange traded funds ed Exchange traded notes (dati National Stock Exchange). Gli afflussi netti risultano in crescita di 30 mld di dollari da inizio anno con quasi 7,7 mld che derivano dagli Etf azionari "long" nel solo mese di maggio. In generale i maggiori afflussi nel 2009 hanno riguardato trackers su commodities (18,69 mld) e su reddito fisso (17,88 mld).
Sono oltre 3 mila gli Etf quotati sui vari mercati e ben 767 fondi-indice risultano in rampa di lancio. In Europa a fine maggio il numero degli Etf quotati risultava pari a 1.828 nei 20 mercati dove gli Etf sono negoziabili. iShares risulta il primo emittente di Etf del Vecchio continente con una quota di mercato del 39,1%, seguito da Lyxor (21,5%) e Deutsche Bank (16,7%).
COMMENTA LA NOTIZIA