1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

L’Espresso giu’, la speculazione non scalda il titolo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’Espresso va giù. Il titolo della società editoriale lascia sul campo lo 0,73%, passando di mano a quota 4,52 euro. La speculazione non scalda l’azione. Voci di stampa dicono che L’Espresso sarebbe pronta ad offrire 110-115 milioni di euro per acquisire Rete A, la rete nazionale che attualmente trasmette i programmi di All Music, canale televisivo musicale che ha come target un pubblico principalmente giovane. Ebbene nelle sale operative aggiungono che in lizza ci sarebbe anche Telecom Italia Media. Dando un’occhiata alle sinergie che si creerebbero e alla posizione finanziaria dell’Espresso e di Telecom Italia Media, un esperto di una primaria banca d’affari sostiene che è più attendibile un interesse da parte dell’Espresso. Il motivo? “Questa società si prepara a lanciare un bond pari a 300 milioni. Di questi 200 servirebbero a finanziare il debito, altri 100 rimarebbero in cassa. Dunque L’Espresso avrebbe già pronto l’importo per pagare AllMusic. Telecom Italia Media è invece prossima ad un aumento di capitale e l’idea di indebitarsi ulteriormente acquisendo una televisione sembra meno probabile”, spiega l’esperto. “Il prezzo è l’unica nota stonata. AllMusic ha un fatturato pari a 25 milioni di euro nel 2004. Un prezzo fair potrebbe essere pari 70 milioni di euro, non quattro volte superiore i ricavi come quello ventilato a 115 milioni”, aggiunge l’analista della banca d’affari. Secondo Andrea Balloni, esperto di RasBank, “l’operazione, che al momento non è stata ancora smentita dalla società, sarebbe sicuramente di impatto positivo, per via del fatto che permetterebbe al gruppo editoriale di differenziare ulteriormente il proprio business, sfruttando eventuali sinergie, soprattutto a livello di contenuti, con le radio DJ e Capital, oltre che con DJ Television, canale satellitare musicale del gruppo”. Balloni conferma il giudizio buy(titolo da acquistare) con un target ad 5,83 euro.