1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Equity Italia: Mascherone (Deutsche Bank), banche troppo penalizzate da crisi subprime

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Questa mattina, al momento della presentazione delle previsioni sull’equity internazionale da parte di Deutsche Bank, non è mancato un “angolino” tutto dedicato all’Italia. “Il mercato azionario nostrano – ha detto Giorgio Mascherone, chief investment officer di Deutsche Bank in Italia – ha subito in maniera marcata e relativamente senza colpe la crisi del credito”. Il listino italiano ha risentito più di altri (ad esempio più del Dax tedesco, dove a prevalere con decisione è il settore industriale) della crisi dei subprime per la massiccia presenza al proprio interno di titoli finanziari. Tuttavia, Mascherone ha sottolineato come in realtà le banche italiane dovrebbero essere “molto poco esposte alla crisi dei subprime”. “Le banche italiane – ha proseguito il chief investment officer della banca d’affari tedesca – hanno pagato troppo cara la crisi, tanto che ora ci appaiono sottovalutate. Il consiglio è quello di attendere i primi riscontri positivi che dovrebbero arrivare all’inizio del 2008 dai numeri di bilancio e poi di approfittarne”. Mascherone ha poi fatto la lista dei pregi dell’azionario “made in Italy”. Tra questi, quello di godere di un rapporto prezzo/utili relativamente basso rispetto al resto d’Europa offrendo nel contempo un dividendo medio interessante rispetto agli altri Paesi del Vecchio continente. Sul mercato azionario italiano, attenzione soprattutto ai beni strumentali e a quelle società (“come Danieli”) in grado di stringere strette relazioni industriali con Paesi in forte crescita, così come ai beni di lusso, con l’Est europeo e asiatico che rappresentano dei mercati di riferimento “in grande crescita”.