Entrate tributarie: tiene il gettito nel primo trimestre 2013

Inviato da Marco Berton il Mar, 07/05/2013 - 08:36
"Nel complesso, nonostante il marcato deterioramento del ciclo economico, il gettito del primo trimestre 2013 è sostanzialmente in linea con quello dell'analogo periodo dell'anno precedente".

E' questo il commento ai dati relativi al gettito del primo trimestre 2013 rilasciato dal Ministero dell'Economia e delle Finanze (www.mef.gov.it). Il bollettino delle entrate tributarie evidenzia introiti erariali nei primi tre mesi dell'anno pari a 87.756 milioni di euro con una lieve flessione dello 0,3% (-223 milioni di euro) rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Nel dettaglio le imposte dirette hanno fatto registrare un aumento complessivo del 5,9% (+2.787 milioni di euro) rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Il gettito Irpef è cresciuto del 2,0% (+850 milioni di euro) che riflette gli incrementi delle ritenute sui redditi dei dipendenti del settore pubblico (+4,3%), del settore privato (+0,9%) e dei versamenti in autoliquidazione (+24,5%)  e le flessioni delle ritenute sui redditi dei lavoratori autonomi (-7,5%).

L'IRES ha invece registrato un calo pari al 9,8% a 1.060 milioni di euro (-115 milioni). 

Le imposte indirette hanno registrato una diminuzione del 7,4% (-3.010 milioni di euro). In particolare, il gettito IVA risulta in flessione del 8,6% (-1.900 milioni di euro) quale riflesso della riduzione del gettito derivante dalla componente relativa agli scambi interni (-5,0%) e dal prelievo sulle importazioni (-22,9%). In controtendenza, nonostante la fase congiunturale negativa, si continua a registrare un andamento positivo del gettito IVA nel settore del commercio al dettaglio (+2,1%) che "riflette l'efficacia dell'azione di contrasto all'evasione".

Le entrate relative ai giochi si riducono complessivamente dell'8,7% (-300 milioni di euro).
Le entrate tributarie derivanti dall'attività di accertamento e controllo risultano pari a 1.554 milioni di euro (-32 milioni di euro pari al -2%).
COMMENTA LA NOTIZIA