1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Enìa-Iride, arrivato ok Consob a prospetto quotazione azioni a servizio fusione

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Consob ha comunicato l’avvenuto rilascio dell’autorizzazione alla pubblicazione del prospetto informativo relativo all’ammissione a quotazione di azioni ordinarie Iride rivenienti dall’aumento di capitale deliberato al servizio della fusione per incorporazione di Enìa S.p.A. in Iride S.p.A. A seguito della pubblicazione del prospetto informativo e dell’iscrizione dell’atto di fusione presso il Registro delle Imprese di Torino e di Parma, completata in data 22 giugno 2010, e secondo quanto indicato nell’atto di fusione, gli effetti civilistici, contabili e fiscali della fusione decorreranno a far data dal 1° luglio 2010. La società incorporante post fusione assumerà la denominazione sociale di IREN S.p.A. con sede legale a Reggio Emilia ed adotterà un nuovo Statuto sociale. Il 1° luglio 2010 le azioni ordinarie Enìa saranno annullate con l’assegnazione agli azionisti di nuove azioni ordinarie IREN secondo il rapporto di n. 4,2 azioni ordinarie di IREN da nominali 1,00 euro cadauna per n. 1 azione ordinaria Enìa. A partire dalla medesima data le 444.183.894 azioni ordinarie di IREN di nuova emissione destinate al concambio saranno quotate sul Mercato Telematico Azionario al pari delle azioni ordinarie di Iride già in circolazione al momento della loro emissione. Non si procederà ad alcun concambio delle azioni proprie detenute da Enìa S.p.A. che verranno pertanto annullate in contestualità con la Data di Efficacia. Pertanto l’ultimo giorno di negoziazione delle azioni ordinarie Enìa, da annullare per concambio, è il 30 giugno 2010 e a decorrere dal 1° luglio 2010 saranno negoziate sul Mercato Telematico Azionario solo azioni ordinarie IREN. A decorrere dal 1° luglio il capitale sociale di IR EN S.p.A. sarà quindi aumentato a 1.276.225.677,00 euro, interamente sottoscritto e versato, suddiviso in n. 1.181.725.677 azioni ordinarie e n. 94.500.000 azioni di risparmio che assumeranno anch’esse la nuova denominazione IREN.