Eni: vicino accordo con Kazakhstan, per Intermonte impatto negativo

Inviato da Flavia Scarano il Mar, 13/12/2011 - 11:49
Quotazione: ENI
Eni in rialzo a Piazza Affari dove segna un progresso del lo 0,64% a quota 15,79. Stando a quanto riportato dal Financial Times, la britannica Bg e la società di San Donato Milanese avrebbero raggiunto un accordo con il governo del Kazakhstan che prevede l'acquisto del 10% del maxi-giacimento di Karachaganak da parte della compagnia di stato kazaka Kmg per 1 miliardo di dollari. Per contro lo stato kazako si impegnerebbe a ritirare tutti i reclami fiscali presentati negli anni scorsi, che ammonterebbero a circa 1,1 miliardo di dollari. "Il giacimento di Karachaganak - commenta Intermonte nella nota odierna - ha riserve 2P stimate pari a circa 3 miliardi boe, per un valore stimato pari a circa 20 miliardi di dollari. Sulla base delle nostre valutazioni la cessione della quota del 10% per 1 miliardo potrebbe avere un impatto negativo per Eni pari a circa 330 milioni di dollari", conclude il broker che mantiene la raccomandazione outperform con target price a 21 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA