1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Bilancio Italia ›› 

Eni: utile netto adjusted scende più delle attese nel primo trimestre, target 2013 confermati

QUOTAZIONI Eni
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nei primi tre mesi dell’anno Eni ha registrato un utile netto adjusted, quello calcolato al netto delle componenti straordinarie, di 1,43 miliardi di euro, il 41,8% in meno rispetto a un anno prima. Il dato è inferiore agli 1,5 miliardi previsti dagli analisti.

“Depurando il trimestre di confronto -si legge nella nota diffusa dalla società- del contributo Snam (uscita dal perimetro dopo la cessione della maggioranza relativa a Cdp, ndr) alle continuing operations, la riduzione dell’utile netto adjusted si riduce al 39,2%, a causa della peggiorata performance operativa e dell’incremento di circa 5 punti percentuali del tax rate consolidato che riflette il maggior contributo del settore Exploration & Production soggetto a più elevate aliquote fiscali”.

L’utile operativo adjusted si è attestato a 3,79 miliardi, in riduzione del 39,2% rispetto al primo trimestre 2012 per effetto essenzialmente dei minori risultati delle Divisioni Exploration & Production e Gas & Power. Al netto del contributo Snam, la riduzione dell’utile operativo adjusted si riduce al 36,4%.

Nei primi tre mesi dell’anno la produzione di idrocarburi è scesa del 4,9% “a causa di eventi contingenti in Nigeria, Libia e Regno Unito”  mentre le vendite di Gas, dopo la cessione di Galp, sono scese dell’1,3%. “Escludendo -riporta la nota del Cane a sei Zampe- la perdita di collegamento nella Galp, le vendite sono sostanzialmente in linea”. A fine marzo l’indebitamento finanziario netto è pari a 15,99 miliardi, +0,47 miliardi rispetto a fine 2012.

Target 2013 confermati
“Confermiamo gli obiettivi di crescita e redditività del 2013
malgrado il rallentamento del primo trimestre dovuto a una serie di eventi contingenti che hanno penalizzato le produzioni di idrocarburi e al perdurare dello scenario negativo del mercato del gas”, ha detto l’Amministratore delegato Paolo Scaroni. A livello di singole divisioni, la “E&P conferma gli obiettivi di crescita per il 2013 grazie ai progressi nello sviluppo dei progetti in corso”, la “G&P beneficerà delle rinegoziazioni dei contratti gas che mitigheranno l’impatto negativo di un mercato ancora in forte contrazione” mentre le divisioni “R&M e Versalis, in forte recupero rispetto allo scorso anno, proseguiranno nelle azioni di miglioramento della redditività”.