Eni: possibile blocco degli impianti in Libia, ma il titolo sale

Inviato da Flavia Scarano il Mer, 28/08/2013 - 11:11
Quotazione: ENI
Tonica Eni sulla Borsa di Milano, nonostante le ultime voci provenienti dalla Libia. Secondo infatti quanto riportato dalle agenzie di stampa, le proteste nel Paese nordafricano avrebbero causato il blocco degli impianti del Cane a sei zampe. L'entità delle proteste non è nota e quindi non è possibile fare previsioni sulla durata dei blocchi. Equita, nel report odierno, ricorda che Eni in Libia produce circa 250 mila barili al giorno e 10 giorni di stop corrisponderebbero quindi a 2,5 milioni di barili, pari allo 0,4% della produzione annua. "Negativo in caso di blocco prolungato", conclude la Sim milanese che conferma il giudizio buy e target price a 21,5 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA
felico scrive...
sasha scrive...
Superspazzola scrive...
renetrader scrive...