Eni non ha fretta di chiudere accordo gas russo

Inviato da Micaela Osella il Mar, 20/06/2006 - 08:34
Quotazione: ENI
Eni non ha fretta di chiudere la partita sul gas russo. Un match difficile che vede schierati da oltre un anno e mezzo il Cane a sei zampe e il colosso Gazprom . I due gruppi hanno preso le misure in vista di una nuova intesa dopo quella che era stata raggiunta all'inizio dell'estate del 2005 ma poi bloccata dall'Antitrust italiano. Adesso c'è molta attesa per la visita in Russia del premier Romano Prodi, che oggi incontrerà Putin. Un'occasione che secondo gli esperti di mercato sarà sfruttata per sfogliare il dossier energia. Gazprom vuole integrarsi a valle cioé punta al consumatore finale. E Paolo Scaroni, numero uno di Eni, è aperto a questa possibilità: "siamo in condizioni di soddisfare questo desiderio, ma vogliamo qualcosa in cambio", che si chiama accesso alle risorse russe di idrocarburi. Per centrare l'obiettivo l'azienda italiana fa sapere che non c'è fretta, meglio attendere un'intesa completa. Dall'altra parte il primo contratto di import da 25 miliardi di metri cubi scade nel 2017.
COMMENTA LA NOTIZIA