Eni-Gazprom, la Borsa russa gia' festeggia le nozze

Inviato da Redazione il Lun, 05/12/2005 - 08:45
Quotazione: ENI
Il matrimonio tra Eni e Gazprom si sta già celebrando. C'è qualcuno che da metà novembre sta rastrellando opzioni e azioni del colosso petrolifero russo. A partire dal 17 novembre, giorno in cui Silvio Berlusconi, accompagnato dall'amministratore delegato dell'Eni, Paolo Scaroni, ha incontrato in Turchia il presidente russo, Vladimir Putin, e il presidente di Gazprom, Alexey Miller, i titoli della società hanno messo le ali. Da metà novembre, infatti, il numero degli scambi sulle azioni del gruppo moscovita è progressivamente raddoppiato, passando dai circa 27 milioni del 17 novembre a circa 50 mentre il prezzo dei titoli è aumentato di circa il 27% nell'ultimo mese. Intanto la Duma dovrebbe approvare definitivamente, il prossimo 12 dicembre, la legge che elimina il limite del 20% per gli investitori stranieri al possesso azionario nel capitale di Gazprom e delle altre società energtiche e dopo il varo del provvedimento sarà il turno di Putin, che dovrà controfirmare la legge per renderla operativa.
COMMENTA LA NOTIZIA
sasha scrive...
Superspazzola scrive...
buttozzo scrive...