Eni: fondo Knight Vinke spinge per scorporo immediato di Saipem, contrastati i titoli in Borsa

Inviato da Flavia Scarano il Gio, 28/02/2013 - 09:58
Quotazione: SAIPEM
Quotazione: ENI
Eni dovrebbe procedere subito allo scorporo di Saipem. E' la proposta fatta al Cane a sei zampe dal fondo Usa Knight Vinke, detentore di una quota pari a circa l'1%, all'interno di una lettera inviata all'amministratore delegato di Eni, Paolo Scaroni, secondo quanto risulta a Il Sole 24 Ore. Il fondo a stelle e strisce, prosegue il quotidiano che cita la missiva, avrebbe sollecitato un rapido spin-off da Saipem che è una bellissima società ma che, a causa dello scandalo legato alle presunte tangenti in Algeria, ha perso in meno di tre settimane 7 miliardi di capitalizzazione in Borsa. Una situazione che, a detta del fondo come scritto nel Sole, potrebbe peggiorare nel caso intervenisse il Dipartimento di giustizia Usa.

Knight Vinke, nel proporre tre possibili alternative, di fatto ne sceglie una come veramente praticabile: la scissione da Saipem dovrebbe avvenire attraverso la distribuzione delle azioni ai soci dell'Eni, compreso lo Stato (che a differenza del caso Snam non sborserebbe nulla) in modo che gli investitori siano liberi di scegliere quali titoli e quali rischi mantenere in portafoglio. Secondo il fondo attivista, l'operazione avrebbe senso in quanto permetterebbe a Eni di focalizzarsi sul core business, deconsolidare 4,3 miliardi di debito e ridurre i rischi legali e reputazionali legati principalmente alle attuali vicende in Algeria.

"Andrà verificato se questa proposta sarà o meno presa in considerazione dal management di Eni - commenta Equita nel report odierno - ma non riteniamo che l'uscita da Saipem sia una issue di breve termine. Tuttavia sarebbe potenzialmente negativo per Saipem in termini di overhang e peggioramento struttura finanziaria (oggi Saipem beneficia del rating di Eni).

Contrastanti i titoli delle due società a Piazza Affari: Eni avanza dello 0,46% a 17,46 euro mentre Saipem cede lo 0,77% a quota 20,59.
COMMENTA LA NOTIZIA