1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Eni: farm-out in Mozambico ed Egitto catalyst positivi per il titolo (analisti)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Verso tempi brevi per la conclusione del processo di parziale dismissione delle quote (farm-out) nei campi in Mozambico (Area 4 nel bacino di Rovuma) ed Egitto (Zohr). Lo afferma oggi l’ad di Eni, Claudio Descalzi, in un’intervista a ad Affari&Finanza di Repubblica in cui rimarca che “sarebbe contento di presentare le operazioni entro lo strategy day di febbraio a Londra. “Riteniamo che il farm-out in Mozambico e dell`Egitto siano dei catalizzatori positivi per il titolo”, commentano gli analisti di Equita rimarcando come Eni abbia un piano ambizioso di disinvestimenti nel 2016-19 pari a 7 miliardi di euro, recentemente confermato. “Anche il fatto che lo strategy day sia in programma a febbraio 2017 è una notizia positiva, in quanto mantiene la continuità aziendale e non era scontato che avvenisse in corrispondenza della fine del mandato di Descalzi”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
APERTURA MERCATI

Piazza Affari in lieve rialzo, corre Italgas

Primi scorci di ottava con lieve segno più per Piazza Affari. L’indice Ftse Mib segna un progresso dello 0,15% a quota 21.924 punti. In prima fila Italgas a +2,82% sotto …

DIMISSIONI

Stefanel: a.d. Cristiano Portas rassegna dimissioni

Cristiano Portas, amministratore delegato di Stefanel, lascia il gruppo. Venerdì scorso, a mercati chiusi, la società veneta ha annunciato che il consiglio di amministrazione ha preso atto della volontà manifestata …

CORPORATE GOVERNANCE

Zucchi: nominato il nuovo Direttore Finanziario

Il Cda della Vincenzo Zucchi ha annunciato che Antonio Bulfoni è stato nominato Direttore Finanziario e Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili societari. “Laureato in Economia e Commercio presso …

Raccomandazioni specifiche per paese

UE avverte l’Italia: “sforzo” dello 0,3% del PIL nel 2018

C’è un rischio di deviazione significativa dal percorso verso l’obiettivo di medio termine, per questo l’Ecofin ha chiesto all’Italia uno sforzo strutturale di almeno lo 0,3% del Pil nel 2018. …