1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Eni fa il suo ritorno in Qatar

QUOTAZIONI Eni
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La strategia futura di Eni riparte dal Qatar. Il Cane a sei zampe ha siglato un accordo con Qatar Petroleum International per l’esplorazione e la produzione di idrocarburi. L’annuncio è stato dato dal numero uno di Eni, Paolo Scaroni, in occasione dell’International Energy forum (Ief).


Una lettera d’intenti con la quale le due compagnie energetiche si impegnano a cercare di individuare le diverse opportunità che si presentano “con l’intento di sfruttare al meglio nuove o esistenti risorse di gas naturale e petrolio”, e sviluppare anche “progetti congiunti nel settore petrolchimico e nella generazione elettrica”. “La firma di oggi – ha precisato  il ministro Al-Attiya – segna un’altra pietra miliare per Qatar Petroleum International che ambisce a diventare una compagnia leader a livello internazionale, un obiettivo strettamente legato allo sviluppo di progetti-chiave in Africa e nell’area del Mediterraneo. Questo accordo con Eni offre nuove prospettive di investimento, poiché l’Italia è uno dei partner più importanti del Paese del Qatar”.

 

In base ai termini dell’accordo, le società individueranno opportunità di interesse reciproco con l’obiettivo di sfruttare al meglio nuove o esistenti risorse di gas naturale e petrolio, dunque.  Il Memorandum prevede inoltre lo sviluppo di progetti congiunti nel settore petrolchimico e nella generazione elettrica.
L’accordo siglato oggi non è l’unico passo della società di San Donato Milanese nella strategia di riavvicinamento al Qatar, lasciato nel 2002. Scaroni ha annunciato che l’Eni è in gara per 4 blocchi di esplorazione nell’offshore del Paese.

 

Una mossa che riaccende il risiko energetico europeo. Da poco archiviata l’acquisizione della spagnola Endesa da parte di Enel e già si rimette in moto la voglia di acquisizioni dell’energia nel Vecchio continente. L’ultima preda in ordine di tempo è un’altra iberica, Iberdrola, che fa gola sia al colosso francese EdF sia alla tedesca E.On. Ma non solo. Oltremanica sono tutti pazzi per British Energy, in lizza spiccano i nomi di EdF, la teutonica Rwe e la svedese Vattenfal.