Eni debole in Borsa all'indomani del downgrade di Fitch, cessione TAG entro fine giugno

Inviato da Alberto Bolis il Ven, 06/05/2011 - 09:26
Quotazione: ENI
Eni debole a Piazza Affari, dove lascia sul parterre lo 0,29% a 17,30 euro, all'indomani della decisione di Fitch di declassare il rating del colosso petrolifero italiano (da AA- ad A+) in scia ai maggiori rischi per le operazioni in Nord Africa. Ieri, durante l'assemblea, il Cfo Bernini ha dichiarato che la cessione del gasdotto TAG alla Cassa Depositi e Prestiti (800 milioni di euro) dovrebbe concludersi entro la fine di giugno. Per quanto riguarda la crisi in Libia, l'Ad Paolo Scaroni ha affermato che non avrà impatto sul dividendo 2011. Solamente un prolungato stallo in Libia e un'eventuale correzione dei prezzi del greggio in area 70-70 dollari al barile potrebbero portare ad una riconsiderazione della cedola 2012. Ieri il petrolio Wti è crollato quota 100 dollari al barile. Un trend ribassista che a Piazza Affari si riflette anche su Saipem, maglia nera nei primi scambi con un -1,67% a 35,88 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA
sasha scrive...
Superspazzola scrive...
buttozzo scrive...