1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Eni contro l’Ue passando per i produttori di pneumatici

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Eni affila le armi contro i produttori di pneumatici. Stando a quanto raccolto da Finanza.com, Eni sarebbe infatti in procinto di promuovere un’azione legale presso il Tribunale di Milano contro una lunga lista di produttori di pneumatici, tra cui Pirelli, Michelin, Continental, Goodyear, Bridgestone e Firestone.

Tutto prenderebbe avvio in risposta alla decisione della Commissione Ue del 29 novembre 2006, con cui erano state pesantemente sanzionate le multinazionali, tra cui Eni e la controllata Polimeri Europa, accusate di aver costituito un cartello nei mercati della gomma butadiene e della gomma stirene butadiene, materie prime utilizzate dalle industrie produttrici di pneumatici. Queste avrebbero infatti visto lievitare i costi delle materie prime utilizzate.

L’atto di citazione di Eni sarebbe dunque verosimilmente da inquadrare in una sorta di azione di accertamento negativo, promossa dal soggetto cui sia stata addebitata un’attività illegittima e intesa a far dichiarare l’inesistenza di questa.

L’ammenda inflitta a Eni e Polimeri Europa dalla Commissione Ue era stata pari a 272,25 milioni di euro. La Commissione europea aveva inflitto ammende per complessivi 519 milioni di euro a cinque gruppi di società che avevano partecipato ad un cartello per la fissazione dei prezzi e la ripartizione dei clienti di alcuni tipi di gomma sintetica in violazione dell’articolo del trattato CE che vieta le pratiche commerciali restrittive. Le società coinvolte sono, oltre a Eni, Bayer, Shell, Dow, Unipetrol e Trade-Stomil, che secondo l’accusa avrebbero partecipato al cartello almeno dal 1996 al 2002.

Già nel novembre 2006 Eni e la controllata Polimeri Europa avevano contestato gli addebiti mossi dalla Commissione Ue e si erano riservati di adire le vie legali “sostenendo la carenza di elementi di fatto e di diritto che possano attribuire la responsabilita’ alla capogruppo, la quale non e’ mai entrata ne’ avrebbe potuto farlo nella conduzione ordinaria degli specifici business”.