1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Eni: consolida la propria presenza in Turkmenistan

QUOTAZIONI Eni
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il direttore dell’Agenzia di Stato per la gestione e l’uso delle risorse di idrocarburi del Turkmenistan, Yagshigeldy Kakayev, il presidente della società di Stato Turkmenneft, Tachdurdy Begdjanov, e l’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, hanno firmato oggi un addendum al Production Sharing Agreement (PSA) che regola le attività di esplorazione e produzione del blocco onshore Nebit Dag, situato nell’ovest del Turkmenistan. L’accordo è stato firmato alla presenza del Presidente del Turkmenistan, Gurbanguly Berdimuhamedov, e del presidente del Consiglio italiano, Matteo Renzi.

L’addendum stabilisce che la durata del PSA venga estesa fino a febbraio 2032 e che Eni, operatore del blocco, trasferisca a Turkmenneft una quota di partecipazione nel PSA pari al 10%. Eni manterrà la restante quota del 90% di partecipazione. L’accordo consentirà ulteriori investimenti nelle attività di esplorazione e produzione del campo di Burun e degli altri campi satellite del blocco Nebit Dag. Con un accordo separato, l’Agenzia di Stato per la gestione e l’uso delle risorse di idrocarburi del Turkmenistan e Eni hanno poi siglato un Memorandum per valutare la possibilità di estendere le attività di Eni al tratto turkmeno offshore del Mar Caspio.